Frutta e verdura di stagione: perché preferirli?

· L'importanza della filiera corta: salute, portafogli, ambiente ·

Visto il successo dell’articolo sui prodotti autunnali e poi su quelli invernali, ho pensato di farne uno per ogni stagione partendo però con una piccola infarinatura generale su frutta e verdura di stagione e soprattutto sui motivi per cui è così importante prediligere proprio questi prodotti.

Per quanto le clementine siano buonissime, non le troverete mai nei mesi caldi. Mentre, se pure troverete i pomodori durante l’inverno, vedrete che il prezzo è più alto del normale e che, assaggiandoli, saranno molto meno dolci e saporiti. Questo perché sono pomodori coltivati in serra (o importati da zone più calde, e pertanto molto più costosi). Nessun prodotto di serra potrà mai eguagliare un buon prodotto di stagione.

Vediamo allora di capire tutti i motivi per cui è bene preferire sempre frutta e verdura di stagione.

 

Prodotti di stagione: perché preferirli?

Per quanto possiate amare le fragole, non ha tanto senso comprarle in febbraio. Stessa cosa dicasi per i peperoni in dicembre o i broccoli in giugno.
Ecco, molto in breve, i 3 motivi per cui dovete preferire i prodotti di stagione:

  1. Sono migliori. E quando dico migliori, non mi riferisco solo al gusto (per quanto, ovviamente, saranno di sicuro molto più saporiti nel loro periodo di maturazione naturale), ma anche alla freschezza del prodotto e ai valori nutrizionali. Un prodotto maturato naturalmente (e non in serra) sarà sempre molto più saporito e ricco di vitamine, e probabilmente sarà stato trattato con meno concimi chimici. A sua volta, un prodotto importato, per quanto non cresciuto in serra, avrà probabilmente viaggiato a lungo, sarà stato conservato per giorni e giorni in celle frigorifero, e probabilmente sarà anche meno ricco di micronutrienti.
    Inoltre, cosa non meno importante e decisamente da non sottovalutare, la natura sa meglio di noi cosa ci fa bene e in quale periodo: credete davvero sia un caso se tra i pochi frutti della stagione fredda ci siano agrumi e melograni, ricchi di vitamina C e antiossidanti?
  2. Sono più economici. Vien da sé che se un prodotto è stato trasportato per km e km, probabilmente da un paese all’altro (la cosiddetta filiera lunga), deve per forza costare di più. Stessa cosa dicasi per un prodotto che, invece di crescere lentamente con la sola forza del sole, ha avuto necessità del calore di una serra riscaldata: avete idea di quanto può costare riscaldare una serra? O gli additivi necessari per la coltivazione di un prodotto fuori stagione? O delle celle obbligatorie per i trasporti? È ovvio che quei costi si riflettano anche sul prezzo finale del prodotto! Preferite quindi i prodotti a km 0 e ne gioverete certamente.
  3. Sono più ecologici. Ebbene sì: mangiare prodotti di stagione non solo farà più bene a voi (e al vostro portafogli), ma anche all’ambiente! Al di là dell’inquinamento di un cargo merci che viaggia per km (è il caso dei prodotti importati), non va sottovalutato neanche l’impatto ambientale delle serre riscaldate necessarie per far crescere frutta e verdura fuori stagione (pensavate che il riscaldamento di casa fosse l’unico a creare problemi all’ambiente? Be’, vi assicuro che purtroppo non è così).

 

Frutta e verdura di stagione: a ogni stagione le sue chicche

Al di là dei pregi elencati, vorrei che rifletteste su un altro elemento importante. Per quanto si arrivi a un certo punto, verso fine inverno in cui ci iniziano davvero a mancare i prodotti della stagione calda (e viceversa, magari), ricordate che ogni stagione ha le sue chicche. Per cui, certo, se proprio vi è venuta voglia di fragole a gennaio, compratele pure. Ma ricordatevi che non troverete altre clementine ancora a lungo e poi vi toccherà aspettare fino all’ottobre successivo… Mentre aspettando solo pochi mesi potrete godere di tutte le fragole che vorrete.

Tutto questo per dirvi: sfruttate i prodotti di stagione man mano che arriva il loro periodo, godetene appieno, fatene vere e proprie scorpacciate, aspettando con trepidazione quelli di cui sentite la mancanza… e poi passate ai prodotti della stagione successiva: quando arriveranno i vostri preferiti li mangerete con ancora maggiore gusto!

Toglietevi pure qualche sfizio, ogni tanto, ma nel quotidiano, scegliete sempre prodotti locali e di stagione: la filiera corta è la migliore garanzia per un prodotto genuino!

 

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS